Babies

Questo stupendo documentario di Thomas Balmes, non so se uscirà anche nelle sale italiane. Negli USA, intanto, esce il 16 Aprile, quindi fra pochi giorni. Il trailer è bellissimo.

Su Facebook c’è un bel gruppone di fan. La trama è molto semplice: il documentario illustra il primo anno di vita di alcuni neonati in varie parti del mondo: dalla piccola Ponijao in Namibia a Bayar in Mongolia, da Mari in Giappone alla piccola Hattie negli USA.

Enjoy

Annunci

Tanti amici, tanto onore

Riportare il blog al centro, è sempre stato un pallino del bloggante.

L’aspetto fortemente autoreferenziale di questa dinamica non mi spaventa. Credo che il blog sia un palchetto, una tribuna, insomma uno strumento che, nelle sue implicite caratteristiche funzionali, tenda ad elevare, a spingerci qualche gradino più in alto. Insomma, si tratta di “montare su uno scagno”, come si dice dalle mie parti.

Le reti sociali, invece, tendono a rielaborare queste dinamiche rivedendo equilibri e distanze. Le reti sociali, per le loro caratteristiche intrinseche, spingono ad aumentare le relazioni, a costruire un sistema di link che ha delle regole diverse da quelle del blog, ma possono diventare un ottimo amplificatore per questo fantastico strumento.

La teoria dei sei gradi di separazione e i suoi limiti (teoria di Dunbar), sono ancora oggi oggetto di studio e non ci hanno svelato come trovare gli equilibri migliori.

Mi spiego meglio. Fino a qualche anno fa eravamo abituati a relazionarci attraverso le tecniche dei blog (pingback, commenti, feed, ecc.) oggi, invece, dobbiamo sommare a queste tecniche, tutte quelle che derivano dalle relazioni stabilite tramite la frequentazione e il presidio dei social network.

Ne avevo già parlato in un lungo post di alcuni mesi fa e, allora, stavamo assistendo al fenomeno Wave, come oggi assistiamo al fenomeno Buzz (forse) e ad altri che stanno cercando di mescolare le carte.

In questi giorni le riflessioni di Louis Gray, quelle di Pierluca, e il tentativo di sottrarmi al rumore, mi hanno spinto a rivedere i flussi e le modalità di presidio.

Dunque, Twitter diventa un sistema di status e sempre meno interattivo. Assorbe feed da altri provider a cui sono abbonato e si limita ad indicare momenti e sentimenti.

social1

I due sistemi di lifestreaming che aggregano scritture e letture, rimangono Buzz e Friendfeed, con poca interazione (p.s. non ho mai usato Facebook per la lifestream aggregation). Praticamente zero commenti o quasi.

social2

Unendo questi contenuti, le letture, i tweet, ai commenti e ai backlink, si crea l’effetto overload dal quale provo ad allontanarmi.

overload

Resta quindi valida l’idea di concentrare su Linkedin, Facebook e tutta una serie di Social Network tematici, il riferimento professionale sul quale attivo anche i sistemi di monitoraggio della reputazione.

reppers

Ora provo a lavorare di cesello. Poi vedremo gli effetti :-)
Keep in touch!

Microsoft MIX10 – from Las Vegas to Milan

Grazie al tenutario di questo blog, ho ricevuto un invito per l’evento organizzato da Microsoft Italia per seguire in streaming la presentazione dei nuovi prodotti Microsoft ovvero il MIX10, The Future of Web Design and User Experience.

mix

In occasione di questo evento, Microsoft ha presentato i miglioramenti apportati alle sue tecnologie per consentire alle community di sviluppatori e designer di creare user experience accattivanti per un’ampia gamma di dispositivi.

http://live.visitmix.com/

Lo slogan dell’evento e’  stato:

Three screens, one Cloud.

Durante la lettura dell’articolo potrete capire il perche’ di questo slogan.

Keynote day 1

Prima di seguire in streaming il keynote day 2 e’ stato fatto un recap del keynote del primo giorno soffermandoci sui punti principali esposti.

Piattaforma di sviluppo mobile end-to-end per Windows Phone 7 Series.

E’ stata presentata una versione beta dell’ SDK per Windows Phone 7 Series. Sono stati integrati i framework di Silverlight e di XNA inoltre adesso gli sviluppatori potranno interagire con:

  • Accelerometro
  • Un servizio di Microsoft di geolocalizzazione
  • Un servizio di Microsoft di Push Notifications
  • Video con l’accelerazione hardware con funzionalita’ DRM.
  • Internet Information Service Smooth Streaming
  • Multi-touch
  • Videocamera
  • Microfono

Belfiore dichiara:

E’  stato progettato per offrire a sviluppatori e designer incredibili opportunita’  per creare applicazioni e giochi accattivanti in tutta facilita’. I migliori strumenti di sviluppo, un solido ecosistema, un marketplace e un percorso di utilizzo delle competenze degli sviluppatori in Silverlight e XNA Framework sono gli ingredienti di una piattaforma mobile semplice, potente e stimolante.

Strumenti gratuiti per sviluppatori in Windows Phone 7 Series

Microsoft ha annunciato il supporto completo di Silverlight in Windows Phone 7 Series includendo:

  • Microsoft Visual Studio 2010 Express per Windows Phone,
  • Windows Phone 7 Series add-in da utilizzare con Visual Studio 2010 RC 1,
  • XNA Game Studio 4.0,
  • Windows Phone 7 Series Emulator per il test delle applicazioni,
  • Microsoft Expression Blend per Windows Phone Community Technology Preview.

Un marketplace per le applicazioni Windows Phone 7 Series

E’ stato presentato un marketplace dove gli sviluppatori potranno pubblicare le loro applicazioni e di conseguenza monetizzare i loro lavori. La novita’ introdotta e’ che gli utenti potranno provare gratuitamente le applicazioni prima di acquistarle e permettere agli sviluppatori di promuovere le proprie applicazioni per mezzo del deep-linking tra applicazioni.

Innovazione continua con Silverlight 4 ed Expression Blend

E’ possibile scaricare gratuitamente una versione RC (release candidate) di Silverlight 4 basata sulla versione beta rilasciata in occasione della Professional Developers Conference nel novembre 2009. E’ stato annunciato anche il rilascio di Expression Blend 4 Beta. Nella Beta di Expression Blend 4 e’ stato inoltre aggiunto il supporto per Silverlight 4, .NET Framework 4 e Visual Studio 2010.

Adozione di Silverlight da parte dei clienti

L’adozione di Silverlight e’ arrivata al 60% delle installazioni nei dispositivi Internet avendo un incremento del 15% negli ultimi 4 mesi.

Keynote day 2

Andiamo a vedere che cos’e’ successo durante il secondo giorno dell’evento.

Dean Hachamovitch, general manager di Internet Explorer di Microsoft, svela le caratteristiche principali della nuova piattaforma Internet Explorer 9 includendo il supporto per HTML 5, grafica e testo hardware accelerated e un nuovo engine per i JavaScript.  Vengono annuciate una nuova libreria jQuery JavaScript, un nuovo SDK per Open Data Protocol che facilita gli utenti ad accedere ai dati dal Cloud per creare delle Web Applications cross-platform.

Hardware Acceleration = maggiore interoperabilità

Microsoft annuncia il supporto delle specifiche di HTML5 incluso supporto di CSS3, lo Scalable Vector Graphics (SVG), il parsing per XHTML, tag video e audio usando lo standard H.264/MPEG4 e MP3/ACC codecs.

Internet Explorer 9 permette l’accelerazione GPU HTML5, milestone per il visual computing.

Drew Henry, general manager di GeForce e ION GPU a NVIDIA Corp.

Aumento del supporto per lo sviluppo grazie alla libreria jQuery JavaScript

jQuery JavaScript Library aiuta a miglirare il processo di sviluppo delle Web Applications fornendo una comunita’ open-source per gli sviluppatori. Microsoft sta lavorando per migliorare iteroperabilita’ fra ASP.NET e jQuery incorporandolo a .NET

Creazione di User Experience, powered by the Cloud

Microsoft rilascia un SDK per OData, HTTP e Atom-based improntato per la portabilita’  dei dati per le piattaforme e i liguaggi .NET, Java, PHP, Objective-C (iPhone and Mac) e JavaScript. Inoltre Microsoft annuncia la seconda Community Technology Preview (CTP) un marketplace per Windows Azure che offre agli sviluppatori di accedere “third-party” al datasets usato dalle applicazioni web e mobile.

Guido Nardo point of view

I protagonisti dell’evento di Microsoft di Las Vegas sono stati senza dubbio Internet Explorer 9 e Windows Phone 7 Series. Con IE sono state introdotte delle tecnologie come l’accelerazione hardware GPU, supporto per HTML5, per CSS3, nuova jQuery JavaScript library, si vuole evangelizzare il concetto di “Same marckup, Same script, Same css. Just work across”. Inoltre ho sentito citare molte volte “We want your feedback”, questo significa che finalmente Microsoft ha capito l’importanza di ricevere i feedback dalla comunita’ degli utenti e degli sviluppatori.

Per il fronte Development ho visto dei notevoli miglioramenti per Visual Studio 2010 introducendo queste features:

  • Multi monitoring suppor
  • Improved code navigation
  • you can use css to style everything
  • Semantic URLs
  • MVC
  • Client and Server validation
  • AJAX
  • Easier Deployment
  • Sequence Diagram dynamic generated by V.S. 2010
  • One click publish
  • jQuery included
  • Web A.P.I.

Per quanto rigarda Windows Phone 7 Series non ho visto dei concetti innovativi in quanto sono stati sviluppati gli stessi concepts dell’iPhone ovvero e’ stato incluso quasi tutto lo stesso “sets” di strumenti del melafonino. Dal mio modesto punto di vista ritengo che le strategie di Microsoft sono state di fondere le strategie di APPLE e GOOGLE creando un’infrastruttura mobile in grado di essere verticale sia per i produttori hardware di telefonini sia per gli sviluppatori di apps. La chiave e’ Silverlight mobile, ovvero un sandbox dove lanciare e far vivere le apps con i suoi vantaggi e svantaggi. Il vantaggio sara’ “write once, deploy everywhere” ovvero grazie al sandbox di Silverlight si potra’ scrivere il codice e fare il deploy in piu’ piattaforme quali XBOX, WEB, MOBILE apportando piccole modifiche per la risoluzione grafica ma non rivoluzionando l’architettura dell’app.

Allo stato dell’arte non e’ stato definito il marketplace e le regole che lo governeranno, dovremo aspettare ai primi di giugno.

Chi vincera’  la guerra delle app economy?

Onestamente da quello che ho potuto percepire e’ chi sviluppa su piattaforme Microsoft e’ avantaggiato con nuovi tools e framework per integrare le applicazione sviluppate con le technologie del Web 2.0 e Mobile ma sara’ alquanto difficile che uno sviluppatore che utilizza altri framework come J2EE o Ruby on Rails cambi adottando le tencologie di Microsoft.

Bill Buxton, Microsoft Research, conclude il keynote day 2 con un simpatico workshop sull’user experience soffermandosi a spiegare l’importanza delle esperienze dell’utente finale e sull’emozioni legate al web.

Ing. Guido Nardo

Project Manager

Social Network Specialist


Coworkingcamp 2010

cowo

Due appuntamenti importanti per il coworking:
A) 17 Aprile a Milano, Via Imbonati 18, presso Business Park MAC 567, il coworkingcamp 2010 sarà l’occasione per discutere di un nuovo modo di lavorare fondato sulla condivisione (non solo degli spazi) e sulla contaminazione delle diverse esperienze.
cowo
B) 7 Aprile a Venezia, presso il Parco Scientifico Tecnologico VEGA, apertura di uno nuovo spazio di coworking nella mia città. Come afferma Michele, che della struttura è direttore, “il VEGA è il primo Parco Scientifico e Tecnologico italiano che passa da una visione insediativa fondata esclusivamente sull’utilizzo degli spazi, a una visione che privilegia l’insediamento dei cervelli”.