Social sarai tu

E’ difficile riflettere e articolare un ragionamento quando si è travolti da un flusso di emozioni irrazionali e da una pseudo informazione (mi riferisco in particolar modo agli editoriali mainstream) che cavalca ovvietà e banalità mai udite nemmeno al bar dello sport dietro l’angolo.

Ma proviamo a fare il nostro dovere. Io debbo farlo, non fosse altro perchè insegno Social Media in un ateneo prestigioso.

Riflessione numero 1: I Social Media stanno dentro o fuori l’ecosistema di internet?
Spesso i giornalisti trattano i Social Media come qualcosa di estraneo al più vasto ecosistema di internet e forse gli fa gioco perchè associano i Social Media allo smartphone, altro strumento ritenuto demoniaco e pericoloso (quanto spreco di inchiostro e di trasmissioni televisive inutili).

E allora mi vien facile affermare che sta fuori da internet tutto quello che è scomodo o ‘incorrect’. Sta fuori da internet l’hacker, sta fuori da internet il porno, sta fuori da internet la frode, il deep web, ecc. ecc.

Forse alcuni giornalisti non hanno capito che tutto, ma proprio tutto, sta già dentro internet. Dunque è più difficile trovare cosa non stia dentro.

Riflessione numero 2: I Social Media stimolano narcisismo e protagonismo.
Certamente, perchè la radio, la televisione, i giornali, la pubblicità, la politica, lo sport, la guerra, la finanza, l’avventura, la religione, no?

I mezzi cambiano ma i sentimenti dell’uomo son sempre gli stessi. Il protagonismo e il narcisismo come ingredienti dell’autostima sono sentimenti abbastanza comuni che trovano sfogo sfruttando mezzi (media) diversi a seconda del periodo, del luogo, della cultura e del contesto.

E la deriva è come sempre soggettiva, non conseguenza del mezzo o del contesto, altrimenti dovremmo convenire che il successo sportivo porta alla violenza (Pistorius, Tyson, Monzon, Simson, ecc.) e la religione istiga all’odio e alla guerra (inutile citare esempi …). Mentre sappiamo che curare lo spirito e il corpo senza eccessi è pratica comune e benefica.

Riflessione numero 3: I Social Media vanno censurati perchè istigano all’odio.
Certamente, come andrebbe sospeso il campionato di calcio ogni volta che ci scappa il morto.

L’odio è un sentimento figlio, spesso generato da comportamenti, emulazioni, istigazioni e conseguenze. Non è certo un sentimento padre, anche se E. Fromm definisce una tipologia di odio che si manifesta come conseguenza di uno specifico carattere negativo.
Dunque è chiaro che l’odio sia esso figlio di comportamenti e istigazioni o figlio del carattere personale, non è mai conseguenza del mezzo.

Riflessione numero 4: Alison Parker e Adam Ward non sono stati uccisi con un tweet, ma con una pistola.

Alle cose buone e utili nonchè belle, favorite e indotte dai Social Media per il nostro lavoro, le nostre passioni, le nostre relazioni, lo studio, ecc., pensiamoci più spesso. Magari scopriamo che stiamo cambiando in meglio e dandolo già per scontato.

 

Annunci

Il quarto reich

gareViertes Reich (IV° Reich) è un ipotesi, finora fantascientifica, sulla possibilità di un’ascesa e di un ritorno al potere della Germania in Europa.

Per curiosità, anche se si tratta di un accordo stipulato quasi un anno fa dal governo Tsipras, mi piacerebbe analizzare la procedura di gara adottata che sicuramente sarà rispettosa delle regole e delle linee guida sugli appalti pubblici nell’UE.

CMv84kxWIAQfgVp

Marinetti è vivo e lotta insieme a noi

11760037_10153096038602029_5049945980319403744_n

Noi ripudiamo l’antica Venezia estenuata e sfatta da voluttà secolari, che noi pure amammo e possedemmo in un gran sogno nostalgico.
Ripudiamo la Venezia dei forestieri, mercato di antiquari falsificatori, calamita dello snobismo e dell’imbecillità universali, letto sfondato da carovane di amanti, semicupio ingemmato per cortigiane cosmopolite, cloaca massima del passatismo.
Noi vogliamo guarire e cicatrizzare questa città putrescente, piaga magnifica di passato. Noi vogliamo rianimare e nobilitare il popolo veneziano, decaduto dalla sua antica grandezza, morfinizzato da una vigliaccheria stomachevole ed avvilita dall’abitudine dei suoi piccoli commerci loschi.
Noi vogliamo preparare la nascita di una Venezia industriale e militare che possa rovinare il mare Adriatico, gran lago Italiano.
Affrettiamoci a colmare i piccoli canali puzzolenti con le macerie dei vecchi palazzi crollanti e lebbrosi.
Bruciamo le gondole, poltrone a dondolo per cretini, e innalziamo fino al cielo l’imponente geometria dei ponti metallici e degli opifici chiomati di fumo, per abolire le curve cascanti delle vecchie architetture.
Venga finalmente il regno della divina Luce Elettrica, a liberare Venezia dal suo venale chiaro di luna da camera ammobiliata.

La discussione prosegue su Facebook  :)